Carrello

0 Prodotto(i)

Arte

502

La riscoperta di Lazzaro Calvi

Giulia Savio -

LIBRO A STAMPA

Nel passaggio dal XVI al XVII secolo, il futuro Principato di Monaco era uno Stato in pieno mutamento. Tanto politico quanto artistico. Onorato II, primo Grimaldi a portare il titolo di principe, fu il principale artefice di questa trasformazione. Interessandosi attivamente a tutte le arti, trasformò il suo castello in un vero e proprio palazzo, ornandolo di dipinti, tappezzerie e oggetti d’oreficeria, tutti uno più raffinato dell’altro. Rinnovando altresì gli spazi della sua dimora, la rese più “leggera”, troncando definitivamente con quel suo aspetto di fortificazione, retaggio dell’epoca medievale.
A tal fine sollecitò il sostegno e il parere di alcuni membri della sua famiglia, come Jean-Henri Grimaldi Signore di Courbons, o di lontani parenti genovesi, fra i quali Gio Antonio Sauli con cui intrattenne una fitta corrispondenza. Soprattutto fece venire prestigiosi artisti ad ornare la sua residenza. È in questo contesto che egli decise di cambiare la fisionomia del Cortile d’Onore; fino ad oggi, una parte degli affreschi di questo cortile erano stati attribuiti al pittore Luca Cambiaso. Grazie a questo studio è oggi possibile avere una nuova visione della questione. Allorquando i percorsi artistici di Calvi e di Cambiaso rendevano talvolta difficile, delicata, se non addirittura improbabile qualsiasi attribuzione, possiamo oggi affermare che queste produzioni non potevano che essere opera di Lazzaro Calvi.

Olivia Antoni
Conservatore degli Archivi e della Biblioteca del Palazzo del Principe di Monaco

ISBN: 978-2-36580-116-4

Data di pubblicazione: 12/05/2014

20 €

Leggere la biografia di Giulia Savio

Ricerca per autore

Dillo ad un amico

© 2010 - 2019 liberfaber.com
XHTML valide